Recensione | "Pomodori verdi fritti al Caffè di Whistle Stop" di Fannie Flagg

Buona sera cari lettori.. Ultimamente mi sta capitando sempre più spesso di scrivere e pubblicare le mie recensioni nel tardo pomeriggio.. non è una cosa che amo particolarmente, ma gli impegni giornalieri mi permettono solo certi orari e quindi, pazienza.. Sono qui adesso :)
Oggi vi parlo di un libro molto divertente, simpatico, ma anche estremamente nostalgico Pomodori verdi fritti al Caffè di Whistle Stop.


Titolo: Pomodori verdi fritti al Caffè di Whistle Stop
Autore: Fannie Flagg
Editore: Sonzogno
Prima pubblicazione 1987
Numero Pagine: 361
Prezzo: € 8,50












Sinossi.
Evelyn, una donna infelice e molto complessata, incontra in un ospizio Virginia, una vecchietta originale che le racconta una storia di tanti anni prima. Quella del Caffè di Whistle Stop, aperto in Alabama da una singolare coppia al femminile, la dolce Ruth e la temeraria Idgie, e frequentato da stravaganti sognatori, uomini di colore, poetici banditi e vittime della Grande Depressione. La movimentata vicenda di due donne, coinvolte loro malgrado in un omicidio, e la loro tenacia nello sconfiggere le avversità,ridanno a Evelyn la fiducia e la forza necessarie per affrontare le difficoltà dell'esistenza.


Ancora una volta, comincio una recensione ringraziando voi blogger, che con i vostri pareri e le vostre parole stupende, mi avete fatto conoscere un'autrice e un libro che altrimenti non avrei mai conosciuto. Nei mesi scorsi, infatti, mi è capitato di leggere più di una recensione super positiva su questo libro e così appena l'ho incrociato in biblioteca l'ho subito preso per conoscere più da vicino questa autrice dalla penna esilarante e dai racconti entusiasmanti di un'epoca ormai passata.

Il libro inizia con l'incontro tra due personaggi totalmente diversi fra loro. Da un lato abbiamo Evelyn, una donna di mezza età, triste, sola, insicura e incredibilmente ipocondriaca. Dall'altro, troviamo Ninny, una simpatica vecchietta, felice, amante della vita, chiacchierona e dolcissima, che senza saperlo capovolgerà la vita di Evelyn, infondendogli la giusta dose di fiducia in se stessa e un pizzico di amor proprio che la spingeranno verso una nuova vita, in cui non temerà più gli altri e soprattutto non avrà più paura di invecchiare e di morire, ma affronterà la vita, come se fosse appena nata, una sorta di seconda possibilità che si concederà perchè avrà modo di capire quanto importante è il dono di vivere e sprecarlo dietro ai timori, le paure, i rancori, è solo tempo perso.

Sì, sono seduta qui nella casa di riposo Rose Terrace,
 ma nella mia mente sono al Caffè di Whistle Stop 
davanti a un piatto di pomodori verdi fritti.

Tutto questo Evelyn lo capirà grazie ai racconti di Ninny, riguardo al suo passato e alle persone che hanno popolato la sua vita quando era una giovane donna e viveva a Whistle Stop, una piccola cittadina, abitata da personaggi particolari, direi caratteristici, ma molto legati fra loro. In particolare, Ninny ha avuto il piacere di entrare a far parte della più amata famiglia del luogo i Threadgoode, una famiglia numerosissima che si allargava sempre di più, perchè era solita accogliere orfani, cittadini di passaggio, nipoti, e chiunque avesse bisogno di un luogo dove stare. Una famiglia in cui vigeva l'amore fra i propri membri, la comprensione, il rispetto, la generosità e così che cresceranno i figli nati in questa famiglia, con questi valori che si colgono in tutta la lettura del libro e che caratterizzeranno la personalità dei protagonisti, in particolare Idgie, personaggio che ho amato moltissimo per i suoi modi di fare, per la forza, la caparbietà, l'onore e la dignità con cui ha affrontato qualsiasi situazione. Mi sono affezionata a tutti i protagonisti di questa storia che viene narrata con tanto divertimento e un pizzico di nostalgia. Nostalgia per un epoca lontana, passata, conclusa. Un'epoca in cui bastava poco per essere felici. La Grande Depressione, portava via tutti i beni materiali, a stento si riusciva a mangiare, ma si era felici. Cosa che non accade oggi.

E' strano, il mondo pativa la fame,
 ma al Caffè gli anni della Depressione furono forse i più felici, 
anche se eravamo tutti provati. Sì, eravamo felici e non lo sapevamo.

Ma la storia narrata è anche molto altro. E' una storia di amore fra due donne, argomento tabù, forse, ancora oggi. E' la storia dei diritti dei "negri", diritti che all'epoca non possedevano, perchè i "negri" dovevano vivere in quartieri separati dai bianchi, non potevano frequentare gli stessi luoghi, non potevano avvicinare un bianco, potevano solo essere schiavizzati e portare rispetto, senza riceverne in cambio. Ma i nostri amati protagonisti, non erano come tutti i bianchi del mondo. le loro porte erano aperte a tutti, bianchi e soprattutto neri. La famiglia Threadgoode, si è sempre circondata di persone di colore senza fare distinzione e Idgie in particolare li accoglieva con tutto l'affetto e l'amore, di cui una donna dura come lei era dotata. Insomma una storia dai toni dolci, melanconici, a tratti tristi e a tratti duri, ma narrata sempre con tanto umorismo e gioia. Proprio le virtù che traspaiono leggendo questo romanzo e che continuano ad aleggiare nella mia mente e nel mio cuore anche dopo aver chiuso l'ultima pagina.

Unico neo, per me, l'iniziale confusione che ho provato per le molte informazioni che l'autrice, subito inserisce nella vicenda, tanti nomi che ho fatto fatica ad associare ai personaggi e i salti temporali un pò confusionari. Almeno, inizialmente, il tempo di abituarmi e capire la struttura del libro. 
Per il resto ho apprezzato tantissimo la storia di fondo e soprattutto i messaggi e i valori trasmessi, come il cambiamento deve partire direttamente da noi, anche se a volte si ha bisogno di una spinta esterna che si può trovare nelle persone più impensabili.

Ci sono persone magnifiche su questa terra, che se ne vanno in giro travestite da normali esseri umani...

Che ne dite di questa lettura, lettori? Non è sembrata speciale anche a voi? e chi non è ancora stato al Caffè di Whistle Stop, consiglio vivamente di farci un salto. Non ve ne pentirete.

Ah, ho scoperto (sono sicura che lo sapranno già tutti) che esiste la trasposizione cinematografica intitolata Pomodori verdi fritti alla fermata del treno. Ho trovato il film completo su youtube e se stasera il mio fidanzato non mi verrà a trovare, credo proprio che passerò ancora qualche ora in compagnia degli abitanti di Whistle Stop :)
Buona serata a tutti voi ;)

- Chocolateandbooks -



16 commenti:

  1. Ammetto di essere una scopritrice tardiva di Fannie Flagg. Ho comprato i suoi romanzi perché mi ero innamorata delle copertine delle edizioni Bur (beeeelle!!!) e ora li ho tutti lì e li sto centellinando come un prezioso tesoro.
    Questo, in particolare, è il primo che ho letto, ormai un paio d'anni orsono e, come dici anche tu, a parte un po' di confusione iniziale, poi mi è entrato nel cuore!
    Film bellissimo (stranamente!), anche se con qualche cambiamento rispetto alla storia originale; ti consiglio assolutamente di guardarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione quelle edizioni sono stupende.. Spero di riuscire a collezionarle ;) Davvero una bellissima storia e anche il film, che ho visto la sera stessa, mi è piaciuto molto :)

      Elimina
  2. Fannie Flagg, altra autrice che ho segnato diligentemente per il 2016. Ma credo che inizierò
    da "Voli acrobatici e pattini a rotelle".
    Di "Pomodori verdi fritti" al momento ho visto solo il film, due volte. La prima mi era piaciucchiato, ma forse ero ancora un po' piccola per apprezzarlo al meglio, poi l'ho rivisto un paio di mesi fa e mi è piaciuto moltissimo. Visione assolutamente consigliata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si so Rosa.. Il film è stato davvero bello e se ti è piaciuto quello, sono sicura che amerai il libro ;)

      Elimina
  3. Adoro Fannie Flagg! Questo mi manca ma ho letto Voli acrobatici e pattini a rotelle, bellissimo! Mi sono promessa di leggere tutto di suo, credo che meriti! Un abbraccio Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche secondo me merita.. infatti leggerò anche gli altri libri suoi :)

      Elimina
  4. Presente nella mia libreria da taaanto tempo ma ancora da leggere!La tua recensione mi ha messo una gran voglia di passare dal Caffè di Whistle Stop :) Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh si Stefy, fai un salto a Whistle Stop e poi fammi sapere cosa ne pensi ;)

      Elimina
  5. Ho amato tantissimo questo libro! Sono contetnta che tu abbia deciso di leggerlo! Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria.. Mi è piaciuto davvero tanto ;)

      Elimina
  6. La Flagg <3
    Ho una scorta di suoi romanzi messa da parte :) Pomodori verdi fritti mi incuriosisce ancora di più dopo la tua attenta recensione! Lo leggerò, lo leggerò :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello Anna ;) Aspetto di conoscere il tuo parere al riguardo ;)

      Elimina
  7. Cara Choco, la Flagg ha colpito anche te! Il film è tra i più belli mai visti per me, il libro lo leggerò, come tutti i suoi!

    RispondiElimina
  8. E io leggerò gli altri suoi libri :) Mi è piaciuto tanto il film ;)

    RispondiElimina
  9. Sono d'accordo su tutto! Ho amato tanto questo libro, e dopo averlo letto, ho deciso che avrei comprato tutti i libri della Flagg.
    Come te ho avuto un po' di difficoltà all'inizio, ma per il resto l'ho trovato davvero adorabile, un romanzo che ti resta nel cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Little Pigo.. si rimane affezionati ai personaggi e alla storia :)

      Elimina