Recensione | "Se esprimi un desiderio" di Doranna Conti

Buon giorno lettori..
Eccomi finalmente con una nuova recensione :D 
Oggi vi parlo di un libro che ho ricevuto grazie alla Challenge a cui sto partecipando, ovvero il Bookopoly. Ero finita nella casella "Autori Emergenti" e potevo scegliere tra diversi libri di autori emergenti, alla fine, supportata dall'aiuto del mio fidanzato (perchè scegliere fra diversi titoli è sempre un'impresa), ho scelto questo, e purtroppo non posso dire di essere rimasta soddisfatta della mia scelta.





Titolo: Se esprimi un desiderio
Autore: Doranna Conti
Editore: Lettere Animate
Data di pubblicazione: Gennaio 2016
Numero di Pagine: 198











Sinossi.
Sara è una ragazza bella e in carriera. Si è trasferita a New York per aiutare il padre e lì ha trovato pure l'amore. La sua vita scorre su binari tranquilli, fino a quando non perde la memoria in seguito a un piccolo incidente. Quando si sveglia non ricorda assolutamente più nulla, né di lei né di quelli che le stanno intorno. Per lei è come rinascere una seconda volta: deve quindi imparare a conoscere da zero il suo fidanzato, i suoi amici e soprattutto sé stessa. Questa è la sfida più difficile, perché Sara prova tutta una serie di sentimenti ed emozioni completamente nuove che non combaciano più con la sua vita di prima e che le hanno raccontato. I suoi desideri sembrano però irrealizzabili. O forse no? Ce la farà a ritornare la ragazza di prima o le cose per lei sono ormai cambiate per sempre?


Avevo letto diverse recensioni positive su questo libro, oltre la trama che mi sembrava abbastanza simpatica, questo era il motivo principale per cui avevo scelto proprio questo titolo. Anche perchè, ero reduce da letture abbastanza struggenti e reclamavo qualcosa di fresco e divertente. Ma devo ammettere che non è ciò che ho trovato in questo libro. Anzi, se devo proprio dirla tutta, ciò che mi ha accompagnata durante tutta la lettura è stata una grande noia. Mi dispiace davvero tanto dirlo ed è pure difficile che mi capiti, ma purtroppo, questo libro non mi ha saputa intrattenere, Infatti, l'ho letto a due riprese, poichè l'avevo iniziato, ma a metà libro non ce l'ho fatta proprio a continuare e così l'ho lasciato perdere, poi qualche giorno fa mi sono detta che almeno i 70 punti della Challenge li volevo conquistare e così mi sono messa il cuore in pace e l'ho terminato, anche perchè mancavano davvero poche pagine.
Ma veniamo al dunque, cosa c'è che proprio non mi ha soddisfatta in questo libro?! Secondo me il difetto principale, per quelli che sono i miei gusti, ovviamente, è lo stile dell'autrice, un pò troppo infantile, nel senso che la scrittura era davvero semplice, oserei dire quasi elementare. Io amo quando il libri sono scritti in maniera scorrevole, ma non troppo, qualche espressione un pò più ricercata non fa male e soprattutto non mi dispiace. In questo caso, devo dire che la scrittura non mi veniva proprio incontro, alcune espressioni erano davvero popolari, se così si può dire. E' stato davvero un peccato, perchè poi l'idea di fondo della storia non era per niente male, anzi, riflettendoci mi piaceva parecchio. Infatti, la protagonista si risveglia, dopo una brutta caduta, e non ricorda più nulla, ha perso, temporaneamente, la memoria. Deve ripartire da zero, non riconosce più i suoi amici, il suo ragazzo, i colleghi, non sa nulla nemmeno di sè stessa. Ed è interessante il fatto che ha la possibilità di guardare con occhi esterni, che poi sono i suoi stessi occhi, la sua vita, i rapporti che intrattiene con chi gli sta accanto, e può riuscire a guardare in maniera critica diversi aspetti della sua vita, che magari, quando si è troppo coinvolti, non si riesce a capire fino in fondo. Questa idea, che fa da sfondo all'intera storia, mi è piaciuta un sacco, ma secondo me, non è stata pienamente sviluppata e la storia va avanti in maniera abbastanza scontata. I rapporti che intercorrono tra Sara, il suo fidanzato Thomas, il suo capo Cameron e la cugina Erica, sono chiari fin dall'inizio, per cui non mi sono meravigliata di come si è conclusa l'intera vicenda.
Vabbe, non penso di avere altro da aggiungere, purtroppo, questa lettura non mi è piaciuta un granchè e non penso che vi consiglierei di leggerlo, a meno che, siete incuriositi dall'aspetto che ho sollevato io e volete farvi un'idea personale al riguardo. In ogni caso, fatemi sapere se l'avete letto e cosa ne pensate, soprattutto se avete avuto le mie stesse impressioni o se sono stata io a non coglierne la vera essenza.

Alla prossima cari lettori e buona giornata :)

- Chocolateandbooks -

Commenti

  1. Non ho letto questo libro, anche se quando lessi la trama mi incuriosì perché le storie su persone che perdono la memoria mi affascinano parecchio... forse prima o poi lo leggerò... non so... comunque mi spiace che non ti sia piaciuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è stato un peccato.. Comunque se lo leggi, fammi sapere cosa ne pensi ;)

      Elimina
  2. Una brava book blogger fa anche questo, ci evita le cantonate! Io al contrario di te ho voglia di letture che mi strappino il cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre una grossa responsabilità esprimere un proprio giudizio, sia positivo che negativo, su un libro.. Curiosa di conoscere le tue letture struggenti :D

      Elimina
  3. Peccato, sembrava un gran bel libro. Grazie per avermelo evitato^_^
    Proprio perchè ci consigli così bene, ti ho nominata per un premio! Spero ti piaccia! Un caro saluto:)
    https://alberidalibro.blogspot.it/2016/05/liebster-award-2016.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Lettori fissi

Scatti Instagram